clicca per ritornare alla modalità grafica


Benvenuti nel portale ufficiale dei servizi on-line dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Trapani


clicca per un aiuto alla navigazione per consultare l'elenco completo delle access key


Visualizza Visualizza il testo con caratteri normali Visualizza il testo con caratteri grandi Visualizza il testo con contrasto elevato
Area riservata
Area riservata
Area riservata - accesso controllato
cerca nel sito
Motore di ricerca
HOME » Azienda | Distretti Sanitari

 

L’Area territoriale dei Distretti Sanitari

 

L'area territoriale dell’ASP comprende le funzioni relative a:

  • igiene, sanità pubblica, assistenza sanitaria collettiva in ambienti di vita e di lavoro;

  • assistenza sanitaria di base, specialistica e riabilitativa;

  • medicina fiscale e legale;

  • farmaceutica;

  • salute mentale e le tossicodipendenze;

  • sanità pubblica veterinaria;

  • tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Tali attività sono erogate nell'ambito dei distretti sanitari sia attraverso servizi direttamente gestiti, sia attraverso servizi forniti da altre articolazioni organizzative, che si coordinano con i distretti per definire le modalità di erogazione più idonee.

 

 

Distretti Sanitari

 

Il Distretto Sanitario è l’articolazione territoriale dell’Azienda Sanitaria Provinciale al cui livello il Servizio Sanitario Regionale attiva il percorso assistenziale. Contribuisce alla missione aziendale assicurando alla popolazione residente la disponibilità, secondo criteri di equità, accessibilità, appropriatezza, dei servizi di tipo sanitario e sociale e garantisce l’integrazione socio-sanitaria.

Ha la responsabilità dell’insieme dei servizi necessari a garantire la salute della popolazione presente sul territorio organizzando l’erogazione dei servizi sanitari territoriali, coordinandoli ed integrandoli con quelli ospedalieri.

Il Distretto Sanitario, in conformità alle previsioni di cui al decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 502 e successive modifiche ed integrazioni, alla L.R. 3 novembre 1993 n. 30 e successive modifiche ed integrazioni, nonché alla Circolare Assessoriale 1049 del 22/06/2001, eroga le prestazioni in materia di diagnosi, cura, riabilitazione ed educazione sanitaria della popolazione, prestazioni  che,  per le loro caratteristiche, devono essere garantite in maniera diffusa ed omogenea sul territorio.

Il Distretto Sanitario deve garantire, in maniera capillare, le prestazioni in materia di:

-  cure primarie (accoglienza, servizi sanitari di base e specialistici)

-  servizi socio - sanitari integrati con le prestazioni sociali, con funzioni di presa in carico, valutazione multidimensionale e formulazione del Piano Assistenziale Personalizzato (PAI), attraverso l’integrazione professionale di operatori appartenenti all’ASP ed ai Comuni a favore di persone e famiglie con bisogni complessi;

-  servizi a favore dei minori e delle famiglie con problemi socio-sanitari e sociali (Servizi consultoriali per l’utenza);

-  servizi di salute mentale

-  Servizio per le Tossicodipendenze (SER.T)

-  le cure domiciliari con diversa intensità;

-  le prestazioni di diagnostica specialistica, con ambulatori attrezzati anche per la piccola chirurgia di emergenza;

-  Le attività degenziali di bassa e media complessità clinica con inserimento in R.S.A., cure riabilitative, e presidi di lunga assistenza per patologie croniche, attività semiresidenziali quali i centri diurni.

I Distretti Sanitari gestiscono direttamente i Presidi Territoriali di Assistenza (PTA), la cui direzione è affidata al Direttore del Distretto.

Il Distretto Sanitario realizza l'integrazione fra servizi sociali e sanitari, contribuendo alla stesura di accordi di programma e protocolli di intesa fra Azienda Sanitaria ed Enti locali.

Il Distretto Sanitario intrattiene rapporti costanti con tutte le strutture aziendali ed in particolare con:

  • Dipartimento di Prevenzione della Salute. L’area d’integrazione riguarda i programmi di prevenzione primaria e di promozione di stili di vita salutari.
    Per la realizzazione di  tali attività il Distretto Sanitario si avvale del ruolo svolto sul territorio dai Medici di Medicina Generale e dai Pediatri di  Libera Scelta.

  • Dipartimento di Salute Mentale. L’area d’integrazione riguarda principalmente  la valutazione e la progettazione  congiunta degli interventi per i pazienti con problemi psichiatrici di  particolare  rilievo.

  • Presidi Ospedalieri L’area d’integrazione è rappresentata prioritariamente dalla definizione di percorsi diagnostico – terapeutico - assistenziali ai fini della continuità  assistenziale. A tal proposito appare di particolare rilievo il ruolo svolto dagli Uffici Territoriali istituiti all’interno dei Presidi Ospedalieri che dovranno essere in costante collegamento con i PUA e gli Sportelli per il Paziente Fragile e, laddove presenti, con tutti i servizi afferenti ai PTA.
    Con  successivi provvedimenti l’Azienda definisce in maniera dettagliata i protocolli di accesso alle strutture ambulatoriali e diagnostiche ospedaliere, le modalità di valutazione multidimensionale in sede di pre e post dimissione e la programmazione e formalizzazione congiunta delle presenze di operatori ospedalieri in sedi distrettuali e viceversa.

  • Servizio di Psicologia. L’integrazione con tale struttura complessa intersettoriale  autonoma posta alle dirette dipendenze del Direttore Generale dell’ASP,  dovrà essere  tesa a garantire l’assistenza psicologica e le prestazione psicoterapiche ai cittadini per il tramite degli Psicologi  operanti nelle UU.OO. di psicologia e nelle strutture aziendali ove operano psicologi.

Il Distretto Sanitario inoltre si  integra con le strutture extra – ospedaliere dell’emergenza- urgenza, definendo i rapporti di collaborazione per le più efficaci modalità di erogazione dei servizi, con l'obiettivo primario di garantire la tempestività degli interventi e la continuità assistenziale.

Nell'ambito delle attività strategiche aziendali il Distretto Sanitario ha anche la funzione di informare la popolazione e le sue rappresentanze istituzionali sugli obiettivi aziendali oltre che sviluppare forme di partecipazione per la definizione delle priorità e per la valutazione dei risultati raggiunti; ha inoltre il compito di contribuire allo sviluppo dei programmi di promozione della salute a livello collettivo e individuale

Il Distretto Sanitario opera sulla base delle risorse assegnate, negoziate con la Direzione Aziendale e definite in rapporto agli obiettivi di salute della popolazione di riferimento ed anche in relazione agli specifici obiettivi di salute riferiti al contesto distrettuale.

Nell’ambito delle risorse destinate, il Distretto è dotato di autonomia tecnico-gestionale ed economico-finanziaria, con contabilità separata all’interno del bilancio dell’Azienda ed assegnazione di budget funzionale.

L’ASP di Trapani è articolata nei seguenti Distretti:

 

 

Trapani- PTA
(Trapani, Favignana, Paceco, Erice, Valderice, Buseto Palizzolo, Custonaci, San Vito Lo Capo)

 

Pantelleria - PTA
(Pantelleria)

 

Marsala
(Marsala, Petrosino)

 

Mazara del Vallo - Salemi PTA
Mazara del Vallo, Salemi, Vita, Gibellina)

 

Castelvetrano
(Castelvetrano, Partanna, Santa Ninfa, Campobello di Mazara, Salaparuta, Poggioreale)

 

Alcamo - PTA/PTE
Alcamo, Castellammare del Golfo, Calatafimi-Segesta)

 

 

Nell'ambito dei distretti sanitari operano i PTA (Presidi Territoriali di Assistenza) che sono finalizzati, sulla base delle specificità dei diversi territori, all'integrazione fisica e/o organizzativa-operativa dei servizi territoriali.

Vengono istituiti, ai sensi del D.A 0754/10 - “Riordino, rifunzionalizzazione, riconversione della rete ospedaliera e territoriale dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Trapani” -, i PTA di Alcamo, Salemi e Pantelleria .Al verificarsi di adeguate condizioni logistiche i PTA integrati o aggregati funzionalmente verranno attivati anche in altri Distretti Sanitari. La Direzione dei PTA è affidata al Direttore del Distretto Sanitario in cui essi ricadono. Qualora si dovessero istituire più PTA in capo allo stesso Distretto, l’ASP, con successivo dispositivo, regolamenterà l’affidamento della gestione. Gli obiettivi primari dei PTA sono  i seguenti:

- organizzare in modo appropriato, efficace ed efficiente i percorsi dei pazienti in relazione ai loro bisogni di salute

- promuovere percorsi assistenziali integrati che mettano in evidenza le responsabilità, i contributi ed i risultati di tutti i professionisti impegnati nella filiera di cura ed assistenza.

All’interno del PTA trova la propria collocazione il Punto Unico di Accesso alle Cure Domiciliari (PUA), la cui funzione risulta di estrema importanza per l’ indirizzamento alle varie forme di assistenza domiciliare e lo smistamento delle domande “improprie” verso altri ambiti assistenziali.

Il  PUA opera in stretto collegamento con gli Uffici Territoriali allocati presso ogni Presidio Ospedaliero dell’azienda e  sarà integrato alla rete CUP provinciale al fine di dare risposte appropriate in termini di assistenza ivi compresa la possibilità per il paziente di prenotare pacchetti di prestazioni fruibili in un unico accesso . 

All’interno dei PTA operano i servizi relativi alla assistenza medica e pediatrica di base, all’assistenza specialistica extra-ospedaliera, all’assistenza domiciliare, all’assistenza preventiva e consultoriale, all’assistenza farmaceutica e integrativa, all’assistenza sanitaria in regime residenziale o semiresidenziale. Tali servizi sono integrati in un’unica piattaforma comune e costituiscono la porta d’ingresso del cittadino alle cure territoriali.

Nei distretti territoriali è attivato il Centro Unico di Prenotazione Aziendale (CUP) finalizzato a snellire l’iter di presa in carico e di indirizzamento degli utenti e facilitare l’accesso alle prestazioni erogate dal PTA di riferimento.

Al fine di ridurre l’uso dell’ospedale e di riqualificare la funzione del territorio, presso ciascun PTA opera un Punto di Primo Intervento (PPI) che ha la funzione di gestire territorialmente le urgenze di basso e medio livello quali i codici bianchi e in parte quelli verdi.

Nei territori che presentano particolari condizioni di disagio assistenziali, come la distanza dai PP.OO., l’Azienda individua Punti Territoriali di Emergenza (PTE) collegati ai PTA nei quali viene assicurata una presa in carico dei casi acuti, finalizzata ad una gestione in loco o ad un trasferimento protetto del paziente nel presidio ospedaliero più idoneo.

Sono costituite all’interno dei PTA le Unità Complesse di Cure Primarie  (UCCP) e le Aggregazioni Funzionali Territoriali nel rispetto delle previsioni dell’AIR di Medicina Generale 2010 e di Pediatria di Libera Scelta del 2011.

 

 

Distretti

 

 

 

 

 

ultimo aggiornamento: 27/09/2011


Azienda Sanitaria Provinciale di Trapani
Sede centrale: Via Mazzini, 1 - 91100 Trapani
Centralino telefonico: 0923.805111
Partita IVA 02363280815 - COD IBAN: IT64Y0200816404000300734438
Informazioni: info@asptrapani.it P.E.C : apri le PEC aziendali
Riproduzione vietata senza autorizzazione della A.S.P. di Trapani :: ultimo aggiornam.: venerdì 28 aprile 2017
Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl - Copyright © 2010